BENVENUTI NEL SITO UFFICIALE DEL METODO RAGGI® CON PANCAFIT®                                                                          fbverde ragg 1  fb business posturalmed1  google verde  inverde  youtubeverde  

TRANSFORM

Sito Ufficiale

×
 x 

Carrello vuoto
CarrelloCarrello vuoto

Massimo Accornero

 accornero41

QUALIFICHE

Nel 1997 – 1° Classificato al Campionato Italiano 750 S.P. cat. 4 cilindri
Nel 1997 – 1° Classificato al Trofeo Nazionale Moto Estate
Nel 1998/99 e 2000 4° Classificato al Campionato Italiano Super Bike
Nel 2003 – Vice Campione Italiano nella categoria delle moto senza carena
Nel 2004 e 2005 vari trofei naz. cat. “Open”
Nel 2006 – 3° Classificato al Trofeo Nazionale Moto Estate e Campionato Mondiale Endurance Super Bike
Nel 2007 – Campionato Italiano Super Bike e Campionato Mondiale Endurance Super Bike
1° Aprile 2007 – 1° Classificato Classe Open Trofeo Motoestate Varano dè Melegari

 
TESTIMONIANZA

Lettera aperta consegnataci dal Sig. Massimo Accornero
“Buongiorno, mi chiamo Massimo Accornero, ho 41 anni e vorrei portare la mia testimonianza sul metodo Raggi e sul suo strumento PANCAFIT.

Le corse in moto sono sempre state la mia passione, ho corso per circa 15 anni nel motocross con discreti risultati per poi passare alla velocità su pista, piuttosto tardi, nel 1996.
Nel 1997 ho vinto il Campionato Italiano 750 S.P. categoria 4 cilindri ed il Trofeo Nazionale Moto Estate, nel 1998 – 1999 e 2000 ho partecipato al Campionato Italiano Super Bike ottenendo il 4° posto assoluto, come miglior piazzamento, e partecipando ad alcune prove di Campionato Mondiale come wild-card.
Nel 2003 sono stato vice campione italiano nella categoria delle moto senza carena, le cosiddette “Naked”, in sella ad una Aprilia Tuono, mentre nel 2004 e 2005 ho partecipato a vari trofei nazionali nella categoria “Open” con un Honda CBR 1000 RR ottenendo un 4°posto finale nel Trofeo Mobil 1 Cup.
Quest’anno, 2006, continuo a correre in ambito nazionale nella categoria “Open” e partecipo ad alcune prove di Campionato Mondiale Endurance all’interno del Team Yamaha X-One.

A seguito di vari traumi, diretta conseguenza dello sport che pratico, oltre ad un fenomeno congenito di “coxo-profunda” alle anche, ho cominciato ad accusare in particolare problemi di mobilità alle stesse ed alla schiena.
Negli ultimi anni ho frequentato gli studi di vari specialisti del settore e praticato svariate terapie, senza però riuscire a “cavare il ragno dal buco”!
In particolare ho insistito molto su esercizi di stretching mirati ad ottenere una maggiore apertura di gambe (condizione essenziale per poter guidare una moto da corsa), ma con l’unico risultato di infiammare ancora di più le anche e la schiena.

Circa due mesi fa sono stato visitato dal Prof. Raggi con il quale ho impostato un programma di lavoro che prevede delle sedute di trattamento specifiche presso lo Studio

Sport 2000 a Milano e l’utilizzo quotidiano della Pancafit: devo dire che, essendomi illuso più volte nell’arco della mia carriera sportiva, inizialmente ero piuttosto scettico, ma oggi, dopo una decina di sedute ed un utilizzo costante della panca, ho già ottenuto risultati incredibilmente positivi.
La cosa che mi preme sottolineare e che personalmente mi ha fatto rivedere tutte le mie teorie sull’allungamento muscolare e sull’approccio a certe problematiche è sicuramente il valore aggiunto dello strumento Pancafit, così semplice ma altrettanto geniale ed efficace, che mi ha permesso sostanzialmente di ottenere due cose:

- un allungamento “non forzato”delle fibre muscolari, nel mio caso responsabili di tutta una serie di fastidi, ottenuto stando semplicemente e comodamente seduto ed evitando le conseguenti infiammazioni
– una maggiore elasticità e mobilità i cui benefici effetti cominciano a perdurare e a non essere più solo limitati al tempo di una seduta.

So che sarà un lavoro lungo e faticoso ma questo non mi spaventa perchè le sfide hanno sempre fatto parte della mia vita, l’importante è aver visto una luce, in fondo al tunnel, che prima non c’era.

Un grazie di cuore al Prof. Raggi e a tutto il suo Staff.  

Con stima, Massimo Accornero


200xNxaccornero21.jpg.pagespeed.ic.GW kIxqDh7thumb mac1accornero31